27 giugno, 2013

2 min di lettura

Scritto da: Redazione Opyn

Cercare credito è difficile? Ora imprese e banche si incontrano online

 

Nasce BorsadelCredito.it, il primo portale web di ricerca del credito per PMI. L’Italian Business Angel Network e BNL hanno accolto il portale con un premio, con la speranza che banche e imprese abbiano trovato il loro punto d’incontro online.

In tempi di Credit Crunch, la nascita di un piattaforma web che apra nuove possibilità di accesso al credito è sicuramente una notizia. Ma il fatto che l’accesso a questo luogo per le imprese sia gratuito, trasparente e comodo – si può fare tutto dal proprio pc, in pochi minuti – rende la notizia molto più interessante.

Il portale, il primo in Italia dedicato alla ricerca del credito per piccole e medie imprese, si chiama BorsadelCredito.it e a breve sarà operativo. Intanto lo scorso 24 Giugno a Milano, uno dei suoi soci fondatori, Alessandro Andreozzi, è stato premiato da IBAN (Italian Business Angel Network) e BNL come colui che ha sostenuto la migliore operazione di Angel Investing nel 2012.

Un’operazione, quindi, che catalizza le speranze delle imprese, che sul portale potranno inserire la loro esigenza economica, vagliare le soluzioni delle banche partner e finalizzare quella più adatta alle proprie esigenze, in maniera gratuita e chiara. Ma nasce anche con la benedizione delle banche, le quali da tempo attendevano uno strumento per “originare” operazioni di credito a costi di acquisizione ridotti rispetto ai canali tradizionali, e per acquisire una clientela selezionata, in modo da diversificare gli impieghi erogati diminuendone il rischio e svolgere una fondamentale funzione di supporto alle aziende.

Sono già diverse le banche che hanno accettato di offrire le loro soluzioni di credito tramite questa piattaforma. I fondatori di BorsadelCredito.it, il già citato Andreozzi e Ivan Pellegrini, insieme a oltre 50 investitori, sono convinti che l’imprenditore che gira per settimane tra le banche in cerca di un fido o un finanziamento a tassi decenti, in attesa magari per mesi di una risposta definitiva, sia ormai un retaggio del passato. Ora lo strumento per far incontrare l’impresa con la banca giusta c’è. E ci guadagnano tutti.

 

TAGS: