Glossario dei termini

Sappiamo che la finanza, a volte, può essere incomprensibile: per questo mettiamo a tua disposizione un glossario grazie al quale approfondire termini tecnici e risolvere ogni dubbio.

Perché la trasparenza è un nostro punto di forza

15 Risultati

DAX

Indice rappresentativo dell'andamento del mercato azionario tedesco. Introdotto nel 1988, rileva l'andamento delle quotazioni dalle 10.30 alle 13.30.

DEALER

Operatore che acquista e vende valori mobiliari per proprio conto.

DEBITO PUBBLICO

Ammontare dei prestiti che lo stato e gli altri enti pubblici (INPS, USL, aziende autonome, ecc.) contraggono per far fronte ai saldi negativi di cassa (deficit). Per raccogliere i capitali necessari, vengono emessi titoli (BOT, CCT, BOC, ecc.). Nel corso degli ultimi decenni il debito pubblico è costantemente aumentato, ma è destinato a scendere per effetto dell’adozione dei principi di convergenza fissati con il Trattato di Maastricht.

DEFICIT

Termine usato per indicare il saldo passivo della contabilità statale causato da entrate ordinarie (imposte e tasse) e straordinarie (vendita di attività pubbliche, come nel caso delle cosiddette privatizzazioni) inferiori alla uscite ordinarie (pagamento di stipendi ai dipendenti pubblici, pagamento di interessi) ed alle spese di investimento (costruzione di opere pubbliche).

All'interno del disavanzo complessivo si distingue:

deficit "primario", pari alla differenza negativa tra entrate e spese correnti

deficit in conto capitale, una situazione più preoccupante perché indica che l'attività economica dello Stato si trova in una fase estremamente negativa.

DELTA

Parametro statistico che misura la variazione del prezzo dell'opzione al variare del valore di base.

DEMATERIALIZZAZIONE

È l'eliminazione dei certificati e dei documenti cartacei rappresentativi della proprietà del titolo, che sono stati sostituiti da semplici registrazioni contabili.

Con la dematerializzazione è molto più agevole procedere alla compravendita di titoli, eliminando tutti i problemi legati al trasferimento dei certificati (spedizione, assicurazione, ecc.). Inoltre si elimina totalmente il rischio di furto o smarrimento, nonché la possibilità di falsificazione dei titoli.

Il pagamento degli interessi non avviene più presentando la cedola, ma con accredito su conto corrente. Chi detiene titoli fisicamente (custodendoli in cassaforte in banca, oppure a casa) non potrà più incassare gli interessi se non presenterà i titoli alla banca per "dematerializzarli"; dovrà attendere la scadenza, quando il titolo sarà rimborsato con il pagamento degli arretrati.

DENARO

Prezzo al quale un operatore di mercato è disposto ad acquistare una determinata attività finanziaria. Indicazione anche della fase di mercato in cui prevale la domanda di titoli e perciò i prezzi sono in rialzo.

DENARO CALDO (HOT MONEY)

Finanziamento di breve periodo destinato alla copertura temporanea di esigenze di tesoreria. Il rimborso è previsto di solito in un’unica soluzione alla scadenza.

DEPOSITO CAUZIONALE

Deposito a garanzia effettuato sia dai compratori che dai venditori di un contratto a termine, atto ad assicurare l'osservanza dei termini contrattuali.

DEPOSITO TITOLI

Contratto in base al quale la banca custodisce e gestisce titoli nell'interesse e per conto del depositante.

DISCOUNTED CASH FLOW

È dato dalla sommatoria dei dividendi attesi attualizzati.

DIVERSIFICAZIONE

Con il termine diversificazione si intende la strategia che mira a ridurre l'esposizione ai rischi non sistematici cioè quelli che l'investitore può controllare.

L'investimento in vari strumenti finanziari, infatti, riesce ad assicurare al portafoglio una migliore stabilità. Questo perché l'eventuale "underperformance" di un'area, di un settore o di una valuta, viene compensata da una "overperformance" di un'altra attività.

DIVIDENDI

Utile distribuito dalla Società ai propri soci in base a quanto deliberato dall'assemblea che approva il bilancio. A discrezione del possessore del titolo, i dividendi possono essere soggetti sia a tassazione del 12,50% sia a credito di imposta.

DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICA (DPEF)

È uno degli elementi fondamentali che fissano la politica economica del paese. Viene elaborato dal governo e comprende un'analisi della situazione economica nazionale ed internazionale nonché l'indicazione degli obiettivi che si intendono raggiungere per l'occupazione, la finanza pubblica, i prezzi, il debito pubblico e così via. Il DPEF, una volta approvato dal parlamento, diviene vincolante per il governo, che realizza gli obiettivi fissati attraverso la "legge finanziaria".

DOW JONES

Indice rappresentativo dell'andamento della Borsa di New York. È composto da 30 titoli pari a circa un quarto dell'intera capitalizzazione del New York Stock Exchange.