Glossario dei termini

Sappiamo che la finanza, a volte, può essere incomprensibile: per questo mettiamo a tua disposizione un glossario grazie al quale approfondire termini tecnici e risolvere ogni dubbio.

Perché la trasparenza è un nostro punto di forza

13 Risultati

LEASING

Forma di finanziamento indiretto attraverso cui un soggetto (locatore - banca, società di leasing) cede in locazione a un altro soggetto (locatario), per un periodo di tempo prefissato, un bene dietro pagamento di un canone periodico.

In tali contratti può essere inoltre prevista la possibilità, da parte del locatario, di riscattare a titolo oneroso il bene, generalmente a conclusione del contratto. Si distingue in Operativo e Finanziario a seconda che sia coinvolto o meno un soggetto intermediario.

il leasing operativo, finalizzato all’acquisizione della disponibilità temporanea di un bene e stipulato direttamente con l’azienda produttrice (rapporto bilaterale)

il leasing finanziario, finalizzato all’acquisizione della disponibilità definitiva di un bene e stipulato con un locatore, intermediario finanziario, che acquista da più produttore beni da concedere in locazione (rapporto trilaterale)

LETTERA DI PATRONAGE (O DI GRADIMENTO)

La lettera di patronage o di gradimento costituisce una forma di garanzia impropria, in forza della quale la società “patronnant” assicura alla banca di essere titolare di un pacchetto azionario di altra società, di avere interesse al mantenimento delle linee di credito alla stessa concesse, e dichiara di non cedere le azioni di sua proprietà prima del rimborso dei crediti della società debitrice verso la banca in questione.

LETTERA DI PATRONAGE SENZA IMPEGNO (O DEBOLE)

Quando le dichiarazioni hanno un contenuto meramente informativo, circa l'esistenza della posizione di influenza e circa le condizioni patrimoniali, economiche e finanziarie del patrocinato, non si ritiene abbiano natura negoziale vincolante.

Difatti non contiene assunzione di obbligazione fideiussoria la lettera di patronage nella quale una società riconosce che un’altra è una sua sussidiaria controllata, in grado di mantenere puntualmente gli impegni finanziari assunti peraltro previo il proprio controllo, e dichiara di essere solita ad adottare i provvedimenti necessari a tal fine (Corte Appello Roma, 4 ottobre 1979).

LGD – LOSS GIVEN DEFAULT

Perdita in caso di inadempienza; si tratta di una delle variabili considerate per la determinazione della classe di rating. Rappresenta il valore di perdita attesa in caso di inadempienza dell’azienda considerata, senza tener conto della ponderazione portata dalle eventuali garanzie a supporto dell’operazione.

LIBRETTO DI DEPOSITO A RISPARMIO

È un documento bancario sul quale vengono riportate tutte le operazioni di deposito di denaro effettuate dal cliente. I libretti di deposito possono essere nominativi o al portatore. Il libretto può essere libero, permette cioè di prelevare in qualsiasi momento, oppure vincolato; in tal caso il prelievo può essere effettuato ad una scadenza determinata.

LINEA DI CREDITO IN POOL

I Finanziamenti in pool o prestiti sindacati, sono operazioni di finanziamento tramite cui un gruppo di banche e/o società finanziarie mette a disposizione del cliente una linea di credito. Normalmente gli istituiti di credito stipulano un accordo per la concessione congiunta di finanziamenti per frazionare il rischio.I finanziamenti in pool infatti sono solitamente legati a:

progetti specifici (es.: costruzione nuovi impianti, ecc.)

investimenti a lungo termine

I soggetti che partecipano all'iniziativa sono:

L'istituto di credito o la società finanziaria che organizza il prestito, chiamata lead manager;

L'istituto di credito che eroga materialmente il prestito;

Gli altri istituti di credito che fanno parte del pool, che non hanno rapporti diretti con la società finanziata, ma solo con gli istituti del pool;

L'azienda che viene finanziata.

Le operazione tipiche sono:

Linea di credito stand by, consistente nella disponibilità di un ammontare utilizzabile una o più volte per una durata e un importo determinati; hanno durata da 18 mesi a 5 anni;

Linea di credito ever green, che non ha durata prestabilita, ma resta in vigore fino a revoca.

I Finanziamenti in pool generano per le banche:

Interessi attivi legati al credito concesso

Commissioni (mancato utilizzo)

Rimborso spese istruzione pratica

Le principali informazioni da definire per tale categorie di Forme tecniche sono:

  • la forma tecnica di utilizzo della linea di credito (es. stand by),
  • il numero complessivo dei partecipanti al pool,
  • il ruolo della Banca nell’operazione (capofila o partecipante),
  • il conferimento del mandato con eventuale rappresentanza o meno,
  • l’importo globale del pool (all’unità, con indicazione della divisa di riferimento e della controvalorizzazione in lire), obbligatorio nel caso di ruolo = capofila ,
  • l’importo residuale del pool (all’unità, con indicazione della divisa di riferimento e della controvalorizzazione in lire), che rappresenta l’eventuale quota del pool non ancora assegnata ad alcun partecipante.

LINEA DI CREDITO PLURIMA

Una linea di credito è detta plurima quando, formalmente concessa a favore di un cliente, può essere fruita (utilizzata) anche da altri NDG che dovranno essere indicati con la caratteristica ‘PARTECIPANTI’.

Si precisa inoltre che:

  • solo le linee di credito utilizzabili in forma rotativa possono essere definite come plurime;
  • di norma, gli usufruitori di una linea di credito plurima appartengono allo stesso gruppo economico;
  • nell’individuazione del singolo partecipante potrà essere precisato anche il limite massimo di utilizzo consentito al partecipante stesso (nel campo importo limite). Tale importo (che non potrà superare quello della linea di credito), se omesso, sarà considerato uguale all’importo della linea di credito;

LINEA DI CREDITO PROMISCUA

Per linea di credito promiscua si intende una linea di credito che, al fine di consentire alla clientela una maggiore elasticità di utilizzo, prevede la possibilità di essere utilizzata su due o più forme tecniche appartenenti alla stessa categoria di rischio, ciascuna delle quali può usufruire, in tutto o in parte, dell’ammontare del fido. Tale linea di credito è composta da una linea di credito “madre” e dalle linee di credito “componenti” che individuano e delimitano le promiscuità da porre in essere.

LIQUIDAZIONE TITOLI

Giorno in cui avviene l'accredito/addebito della somma dovuta per la vendita/acquisto di un titolo. Per tutti i titoli quotati l'attuale sistema di liquidazione è a contante con regolamento a 5 giorni di Borsa aperta, ovvero a far data dal quinto giorno successivo alla conclusione del contratto.

LIQUIDITÁ

Capacità di un investimento di trasformarsi in moneta velocemente e senza perdita di valore. L'attività più liquida è la moneta; le altre attività che fanno parte del patrimonio (depositi bancari, BOT, obbligazioni, azioni, immobili, ecc.) sono caratterizzate da un differente e specifico grado di liquidità.

LOSS RATIO

Rappresenta, nelle assicurazioni, la percentuale di sinistri.

LOTTO

È l'insieme di titoli o altre attività finanziarie trattati unitamente sul mercato.

LOTTO MINIMO

Quantitativo minimo di contrattazione dei titoli espresso o in importo monetario o in numero di titoli. Più in particolare: a)è il numero minimo di azioni, warrant, covered warrant, diritti di opzione e certificati rappresentativi di quote di fondi mobiliari e immobiliari chiusi negoziabili nel mercato MTA;

b)è il valore nominale minimo di obbligazioni convertibili negoziabili nel mercato MTA o di obbligazioni e titoli di Stato negoziabili nel mercato MOT;

c)per il mercato MPR, è il numero minimo di azioni, warrant e diritti, oppure il valore nominale minimo di obbligazioni convertibili che possono costituire oggetto dei contratti a premio.

I quantitativi superiori al lotto minimo possono essere negoziati nei rispettivi mercati solo se multipli del lotto medesimo.