Cresci insieme a noi

Collaborare con Opyn velocizza il tuo lavoro e rende soddisfatti i tuoi clienti.

partner

Perché richiedere la partnership

Aiuti i tuoi clienti a crescere e offri loro un servizio veloce e digitale.

users

A chi è rivolto

A consulenti finanziari, commercialisti, reti di professionisti del credito e aziende.

document

Come funziona

Inserisci nel modulo i tuoi recapiti: ti contatteremo nelle prossime ore per approfondire le modalità di collaborazione.

diventa partner opyn img-luis-villasmil-mob

Come diventare nostro partner

Inserisci nel modulo i tuoi recapiti: ti contatteremo nelle prossime ore per approfondire le modalità di collaborazione.

Collaborare con noi è vantaggioso

Aiuti i tuoi clienti a crescere e mantieni alti i rendimenti.

Supporti velocemente i tuoi clienti

Noi finanziamo i tuoi clienti in 7 giorni; tu abbatti i costi di gestione e aumenti le tue opportunità di sviluppo commerciale.

Ti concentri sulla tua crescita

Noi gestiamo la complessità, le richieste dei prestiti, le verifiche del merito creditizio; tu ti concentri sulla tua crescita.

Hai sempre un canale di supporto dedicato

Qualunque sia la tua necessità, puoi scriverci in chat dalle 9 alle 22.

+ 230 partner accreditati

+ 600 mln

Prestati alle aziende

+ 3.000

Aziende hanno realizzato i loro sogni

7 Giorni

Per prestare liquidità ai tuoi clienti

Che tipo di progetti finanziamo

I nostri prestiti sono flessibili e non sono limitati da altre linee di credito. Scopri che tipo di progetti finanziamo!

Investimenti e innovazione

Per finanziare una campagna marketing, creare il tuo e-commerce, acquistare un nuovo macchinario, assumere personale e molto altro ancora.

Ristrutturazioni edilizie

Per ammodernare i locali della tua azienda, rendendola più green e aumentando il benessere del peronale.

Maggiore liquidità

Per finanziare il pagamento delle tasse, sostenere gli acquisti o gli scompensi temporanei della tua cassa.

Leggi le nostre FAQ

Per ottener credito da parte di Opyn le imprese devono avere:

  • Fatturato minimo aziendale 1.000.000 € (500.000 € per richieste fino a 100.000 €).
  • Finanziamenti rateali a medio lungo termine da almeno da 12 mesi.
  • Due bilanci depositati.
  • Continuità aziendale.
  • Affidabilità ed esperienza dell'imprenditore e del management.
  • Garanzie richieste: fideiussione personale delle persone «chiave».

Caricare una pratica sul portale Opyn è semplicissimo! Dopo aver completato il form di registrazione procedi con questi facili step:

  • Inserisci nel form guidato le informazioni dell’azienda richiedente, ovvero:
    • Denominazione.
    • P.iva e codice fiscale.
    • E-mail di riferimento.
  • Indica un legale rappresentante, cioè un contatto dell’azienda con cui approfondire la richiesta.
  • Descrivi la finalità per cui l’azienda chiede il finanziamento.
  • Inserisci i documenti richiesti.
  • La richiesta del finanziamento è stata effettuata, riceverai una risposta in 24h!

No, non è obbligatorio. Il codice convenzione viene fornito insieme alla guida partner successivamente alla richiesta di contatto e prescindere dalla stipulazione di un contratto.

Non è un dato obbligatorio, la sua funzione è quella di aiutare il nostro team a capire velocemente chi sta caricando la pratica e ad identificarti in caso di necessità. 

I documenti necessari variano in base alla tipologia di azienda richiedente:

  • Per le società di capitali serve solamente il bilancio provvisorio dell’anno in corso.
  • Per le società di persone servono gli ultimi due modelli unici, comprensivi del riquadro IRAP e relative ricevute. Inoltre, devono essersi preventivamente registrate sul Portale Rating MCC, inserendo i dati contenuti negli ultimi due Modelli Unici trasmessi.

La delibera avviene velocemente, in 24 massimo 72 ore e in caso di esito positivo le PMI ottengono liquidità in circa 10 giorni.

No, potrà continuare ad usare quello che normalmente utilizza.

Si, sempre. Opyn si occuperà di tutti gli adempimenti utili ad ottenere la copertura da parte del fondo centrale di garanzia.

Sono finanziabili tutte le forme giuridiche, comprese le cooperative con personalità giuridica, ad eccezione delle società semplici, e i consorzi.

No, estinguere il finanziamento in anticipo sul piano di ammortamento previsto non comporta alcuna penale o costo aggiuntivo.

No, non ci sono costi aggiuntivi ne vincoli di acquisto di altri prodotti.

No, i contratti saranno firmati tutti a distanza tramite firma digitale.

Dicono di Noi

Cosa dicono di noi le principali testate giornalistiche.

img-unknown

Banca Valsabbina ha siglato un accordo finalizzato all'acquisizione di una partecipazione pari a circa l'8,3% di Business Innovation Lab, società cui è riferita la piattaforma Fintech BorsadelCredito.it. L'articolata operazione prevede in una prima fase l'acquisto di tali quote sul mercato secondario ed è inoltre prevista l'assegnazione a Valsabbina anche di warrant convertibili in ulteriori azioni.

Leggi l'articolo
img-unknown

La corsa alla sostenibilità, in finanza, si fa serrata. E le fintech devono stare al passo. Chi struttura prodotti finanziari bada sempre più all’impatto che con gli stessi può avere sul mondo, in termini di lotta al climate change e di miglioramento dell’ambiente, nonché delle condizioni di vita delle comunità e delle minoranze.

Leggi l'articolo
img-unknown

Opyn ha registrato un incremento dei prestiti erogati del 420% nel 2021 ed è arrivata a quota i 391,5 milioni di euro di finanziamenti alle imprese. Per la fine del 2022 la società si aspetta di raggiungere quota 500 milioni di euro. Il fatturato è aumentato del 356% a quota 19 milioni (nel 2020 si era portato oltre la soglia dei 4 milioni di euro).

Leggi l'articolo
img-unknown

Opyn e Banca Valsabbina hanno varato il programma di finanziamenti digitali Pmi Be-Tech, grazie a cui l’istituto di credito bresciano erogherà fino a 100 milioni di euro alle PMI attraverso la tecnologia di Opyn e una cartolarizzazione, in ottica software as a service: un ulteriore passo nel percorso di integrazione banca-pmi-fintech.

Leggi l'articolo
img-unknown

Dall’accordo tra Opyn e Banca Valsabbina nasce “PMI Be-Tech”, il programma per erogare 100 milioni alle imprese. Avvalendosi del software di Opyn e facendo ricorso ad un’operazione di cartolarizzazione, verranno erogati in modalità completamente digitale e con valutazione in 24-48 orefinanziamenti da 200mila a 800mila euro, con durata fino a 72 mesi.

Leggi l'articolo
img-unknown

Il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) ha investito 30 milioni di euro in Magellano, il nuovo fondo destinato al finanziamento delle pmi italiane, gestito dalla scaleup fintech italiana Opyn attraverso ART sgr, gestore di fondi alternativi di investimento, riservati a investitori professionali, che sottoscrivono i prestiti offerti in piattaforma.

Leggi l'articolo
img-unknown

Il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) investe 30 milioni di euro nel nuovo fondo Magellano, gestito da Opyn attraverso ART SGR. L’operazione avviene con il sostegno del programma “Credito privato su misura per le PMI” del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), parte del Piano di Investimenti per l’Europa varato dall'EU.

Leggi l'articolo
img-unknown

Gender gap: dagli esperti di Opyn, operatori finanziari inclusivi e tecnologici, arrivano alcuni suggerimenti che dovrebbero diventare prioritari nell’agenda politica: rendere effettiva la normativa antidiscriminatoria sui luoghi di lavoro, incentivare percorsi di studio che vadano nella direzione dei settori a più alta occupabilità e investire potentemente sulle infrastrutture sociali.

Leggi l'articolo
img-unknown

Sono più brave degli uomini negli studi e nel lavoro ma hanno stipendi più bassi e carriere discontinue, a cui spesso rinunciano alla nascita del primo figlio. Il fintech, Opyn in primis, vuole farsi portabandiera della gender equity e ridurre il gender gap in Italia e in Europa.

Leggi l'articolo
img-unknown

Solo la collaborazione fra Banche e Fintech può far evolvere i servizi alle PMI. Secondo Ivan Pellegrini, Ceo di Opyn, l'avanzata della finanza tecnologica è inarrestabile. La domanda di digitalizzazione, efficienza e velocità è sempre più forte, e nel prossimo futuro ogni servizio finanziario sarà tech based.

Leggi l'articolo
img-unknown

BorsadelCredito.it, fintech italiana che supporta le PMI nell'accesso al credito, ha cambiato nome in Opyn e annunciato di voler crescere in Europa nei prossimi due anni. Il rebranding segna una nuova fase per la società nata nel 2012: al ruolo di lender per le imprese italiane sarà affiancato quello di abilitatore dell'embedded finance per banche e big tech.

Leggi l'articolo
img-unknown

Opyn guarda al traguardo dei 100 milioni di ricavi nel 2023 e a una possibile Ipo. L’ex BorsadelCredito.it, oltre al lending alle imprese italiane, punta a diventare leader europeo nella fornitura di piattaforme di banca digitale a istituti finanziari e imprese corporate.

Leggi l'articolo
img-unknown

BorsadelCredito.it ha concluso una cartolarizzazione da 220 milioni di euro, in collaborazione con Azimut, Banca Ifis e Intesa Sanpaolo. A maggio abbiamo concluso due operazioni nel giro di poche settimane che ci hanno permesso di raccogliere 420 milioni di euro in un mese all'interno del progetto "Slancio Italia", volto a sostenere l'economia reale.

Leggi l’articolo
img-unknown

Greta Antonini, Marketing Manager di BorsadelCredito.it, ha preso parte all’evento “FinTech, sostenibilità e inclusione” organizzato in occasione della Milano Digital Week, per parlare del ruolo delle donne nel FinTech e più in generale nella ripresa economica. Raccontando cosa sta accadendo nel mondo e cosa ci aspetta nel prossimo futuro.

Leggi l’articolo
img-unknown

A fine 2020 abbiamo provato a tirare le somme dell’anno appena passato, individuando i trend della nuova fase di maturità del FinTech. Collaborazione sempre più frequente con le banche, scomparsa degli sportelli tradizionali, tecnologia dirompente, crescita esponenziale degli e-commerce: sono queste le principali tendenze che stanno segnando anche il 2021.

Leggi l’articolo
img-unknown

La nostra tecnologia si basa su una rete neurale, una complessa infrastruttura informatica che rende possibile velocizzare i processi e rendere immediata la fruibilità dei sistemi. Come l’AI, anche la blockchain è un valore aggiunto non trascurabile per il mondo finanziario. A spiegarlo è Maurizio Diana, Head of Data Management di BorsadelCredito.it.

Leggi l’articolo
img-unknown

A inizio pandemia abbiamo assistito fin da subito ad una crescita esponenziale dei volumi del lending crowdfunding. Antonio Lafiosca, Founder & COO di BorsadelCredito.it, insieme ad altri operatori ed esperti di FinTech, spiega le ragioni che, già durante il primo lockdown, hanno spinto le pmi a rivolgersi al digitale per ottenere un finanziamento.

Leggi l’articolo
img-unknown

Se in passato le IPO del FinTech non hanno brillato, nel 2020 sono arrivate sul listino Affirm e SoFi, le piattaforme più finanziate degli USA, mentre l’IPO con le migliori prestazioni è stata una insurtech, Lemonade. Anche il VC punta sempre più sul settore: abbiamo cercato di prevedere cosa potrebbe succedere in Italia guardando a ciò che è già prassi oltreoceano.

Leggi l’articolo
img-unknown

Abituati alla disintermediazione, smartphone addicted, attratti dall’investimento impacting: i più giovani che ora si avvicinano al mondo del lavoro (la cosiddetta “Generazione Z”, ovvero i nati dopo il 1997) sono i clienti ideali del FinTech. A loro bisogna guardare per capire come orientare la nuova offerta digitale che esploderà nel post Covid.

Leggi l’articolo
img-unknown

La pandemia ha messo in evidenza la necessità per le banche di innovare sempre di più (alleandosi con big corp o startup tecnologiche) ma anche il potere inclusivo della digitalizzazione per gli individui non bancarizzati. Anche in Italia è stato boom dei pagamenti digitali: ma per vedere il futuro si deve guardare al modello di sviluppo di Cina e India.

Leggi l’articolo